Our site uses cookies

I agree Our site saves small pieces of text information, called “cookies” on your device. Find out more in our cookie policy. You can disable the usage of cookies by changing the settings of your browser. By continuing to browse the site you are agreeing to our use of cookies.

Il ciclo continuo di approvvigionamento e risparmio

L’approvvigionamento strategico può trasformare la spesa diretta per i materiali di qualsiasi azienda, ma come si fa ad assicurare che i risparmi generati siano anche sostenibili? 

Il sourcing strategico di qualsiasi azienda e la protezione dei risparmi ottenuti con tanto duro lavoro, saranno sempre problematici a prescindere da dimensione, struttura o settore.

La bravura di un’azienda raramente è un indicatore della sua efficienza. Molte grandi aziende globali generano fatturati stellari, ma possono essere anche rigide ed inefficienti; per contro, le piccole imprese considerate innovative e agili spesso non hanno l’infrastruttura necessaria per crescere. 

Il sourcing strategico e la protezione dei risparmi ottenuti con tanto duro lavoro, saranno sempre problematici a prescindere da dimensione, struttura o settore. Certo è che se il Procurement vuole intercettare e sostenere il valore, alcuni principi fondamentali dovrebbero essere applicati:

Visibilità della spesa

Per un’azienda manifatturiera con sede in America, ottenere la giusta visibilità sulla spesa è stato un primo passo di fondamentale importanza. Cresciuta rapidamente tramite acquisizioni, l’azienda ha ottenuto fatturati da milioni e milioni di sterline con più di 20 siti produttivi in America del nord ed Europa.

A quel punto l’azienda ha capito di essere di fronte all’opportunità di sfruttare al meglio le proprie dimensioni e generare importanti risparmi. Inoltre, tra i suoi obiettivi c’era l’introduzione di sistemi e processi più standardizzati, uniti a una chiarezza sempre maggiore in termini di spesa. Con la crescita, questa infrastruttura trasversale all’azienda diventa critica per integrare senza soluzione di continuità le nuove acquisizioni e sfruttarne le sinergie.

Lavorando con l’azienda, Efficio ha passato in rassegna più di un milione di righe di dati relativi a operazioni e ha introdotto una nuova tassonomia merceologica per la spesa rispetto ai fornitori. L’analisi dei debiti, degli ordini d’acquisto e delle informazioni relative ai fornitori ha aiutato a identificare i produttori per caricare in modo coerente in un unico sistema i codici articolo. 

Dopo cinque mesi, il duro lavoro di Efficio ha prodotto i suoi frutti e ha dato all’azienda manifatturiera maggiore visibilità della spesa e la capacità di misurarla e gestirla.

Conformità

L’obiettivo successivo era un miglior controllo delle politiche di prezzo. L’azienda aveva già investito in un sistema gestionale per memorizzare le informazioni su prezzi e contratti e ora ha uno strumento di gestione della spesa per garantire maggiore visibilità e conformità. Secondo i nuovi accordi contrattuali, l’ordinazione di parti a prezzi diversi avvia una richiesta di autorizzazione. In tal modo l’azienda non solo tiene sotto controllo i risparmi e la conformità, ma è anche in grado di identificare le non conformità e le relative cause. 

Il trasferimento di diverse parti da un fornitore a un altro richiede non solo il sostegno tecnologico, ma anche il coinvolgimento umano. Le decisioni relative al sourcing sono di natura collaborativa e coinvolgono ingegneri, tecnici, operatori di sourcing e personale operativo. Gli ingegneri definiscono le specifiche in modo tale che i sistemi riportino il codice corretto, impedendo così che i nuovi sistemi vengano progettati utilizzando parti vecchie. Ad aggiudicazione avvenuta, le notifiche di modifica (ECN) sono state emesse e tutte le parti coinvolte sono state informate delle modifiche e della relativa motivazione.

Preventivazione più intelligente

L’azienda aveva svariati modi per definire i costi di un progetto, ma non era dotata di una metodologia standard usata in modo coerente da tutti. Si affidava a metodi a costo maggiorato o a listino e a prassi di mercato che solitamente richiedevano una comprensione dei costi molto dettagliata. Di conseguenza quando i prezzi venivano nuovamente negoziati con i fornitori, il lavoro degli acquisti non veniva sempre sfruttato appieno dall’azienda.

Oggi, l’azienda sta introducendo una metodologia più coerente per i propri progetti di ottimizzazione dei costi nei più diversi siti operativi, basata, come prima leva, sul costo standard. In questo modo l’azienda riesce a proteggere i propri margini e decidere in modo strategico come usarli al meglio in fase di valutazione di progetti e nuove opportunità.

Intermediazione

Un’altra area spesso trascurata viene solitamente chiamata “intermediazione”. Ci sono dei casi in cui un’azienda agisce da intermediario nell’acquisto o nella fornitura di particolari prodotti o servizi senza applicare alcun margine. 

Un esempio sono i costi di trasporto in uscita. Se spedire una parte da A a B costa $100/lb, ma l’azienda riesce a negoziare un prezzo di $80/lb, è possibile trattenere i risparmi, utilizzarli o optare per una soluzione intermedia. Analogamente, negoziare condizioni migliori su vitto, alloggio e viaggio per i propri tecnici potrebbe permettere di ridurre l’indennità quotidiana applicata per le spese o trattenere i risparmi in azienda.

Le aziende che utilizzano i listini sono in grado di gestire i risparmi così abilmente ottenuti 

Non tutte le operazioni di intermediazione possono essere affrontate in questo modo, ma innovare stimola l’adozione di un approccio giusto al sourcing e apre la porta a svariate opportunità di risparmio. Tutto ciò richiede solide fondamenta. Una volta introdotti sistemi e processi ben consolidati, un’azienda ha la possibilità di sfruttare queste opportunità.

Come fare proprie le buone prassi

Un piano incentivi è un modo per incoraggiare e accelerare questo cambiamento comportamentale. Presso l’azienda manifatturiera il personale non solo doveva fare la cosa giusta, ma era incentivato a farlo con dei premi. I dipendenti che avessero aiutato l’azienda a raggiungere i risparmi preventivati avrebbero avuto diritto a una porzione del bonus. Faceva tutto parte del tentativo di incentivare comportamenti virtuosi.

Massimizzare e mantenere i risparmi sul lungo termine vuole anche dire replicare le buone prassi e sfruttare la spinta positiva che generano. In realtà questa azienda è solo all’inizio del percorso. Grazie al successo ottenuto in alcune categorie, oggi il mercato è impegnato positivamente su tutti gli altri fronti. 

Il piano era collegare tutti questi potenziamenti del sistema prima di passare alla selezione dei fornitori e quindi alla fase esecutiva. Grazie ad alcuni successi iniziali, questi cambiamenti sono stati accolti con entusiasmo da tutta l’azienda.

Seguiranno ulteriori fasi di potenziamento: le liste di fornitori prioritari sono in corso di finalizzazione in vista della definizione di collaborazioni strategiche. Nel tempo, un approccio più collaborativo condurrà a tecnologie, design e innovazioni più avanzati, che permetteranno di preparare l’azienda e la sua base di fornitura ad affrontare il futuro.

L’approccio puo’ variare da una realtà a un’altra o da un settore all’altro, ma i principi di base rimangono gli stessi. La visibilità della spesa e la capacità di gestirla e controllarla assicurano risparmi duraturi che si traducono in crescita per l’azienda e i suoi fornitori

Guida alla generazione di risparmi in corso di esercizio
Guida
Guida alla generazione di risparmi in corso di esercizio

Come si può accellerare la generazione di risparmi per assicurarsi il raggiungimento del target annuale? Scarica la nostra guida per scoprirlo.

Il mio bilancio riflette i risparmi generati attraverso il procurement?
Insight
Il mio bilancio riflette i risparmi generati attraverso il procurement?

Trovare un modo per ridurre i costi e aumentare la redditività delle società nel proprio portafoglio è un elemento di estremo interesse per le società di private equity, per questo molte di esse sfruttano il procurement per raggiungere i propri obiettivi

Tesco e Carrefour uniscono le forze per aumentare il proprio potere d’acquisto
Analisi
Tesco e Carrefour uniscono le forze per aumentare il proprio potere d’acquisto

Carrefour, il gigante francese della grande distribuzione organizzata, e Tesco hanno annunciato il piano per un’alleanza strategica di lungo termine finalizzata a sfruttare il potere d’acquisto congiunto con i fornitori.