Our site uses cookies

I agree Our site saves small pieces of text information, called “cookies” on your device. Find out more in our cookie policy. You can disable the usage of cookies by changing the settings of your browser. By continuing to browse the site you are agreeing to our use of cookies.

I vantaggi della presenza del Procurement nel CdA

DI: Pablo Borrego

La funzione di Procurement della società di gestione dei rifiuti Biffa si è spinta oltre un approccio transazionale per ottenere una gestione del business più ampia. 

Gli addetti al Procurement dovrebbero rappresentare la funzione direttamente a livello del CdA?

La risposta dipende dalla natura dell'azienda e dal settore in cui opera. Potrebbe essere necessario che il CPO sieda nel consiglio di Amministrazione o che si interfacci con esso in modo dedicato o periodico, se, ad esempio:

  • Si tratta di una società manifatturiera in cui la supply chain è fondamentale per lo svolgimento del business
  • La produzione si basa completamente su materie prime e semilavorati dei fornitori
  • La spesa esterna rappresenta la voce principale della spesa totale.

Steve Jones è Group Procurement and Property Director della società di gestione dei rifiuti Biffa. Steve si ritiene fortunato ad aver avviato la propria carriera nel procurement di Black & Decker, noto leader nello sviluppo della funzione verso un ruolo di prima linea.

Da Biffa, Jones ha trovato una divisione procurement transattiva e vecchio stile, relegata nelle profondità dell'ufficio finanziario, e l'ha trasformata in un team strategico rappresentato nel comitato esecutivo.

Prospettive più ampie

In seguito all'iniziale successo del procurement, Jones è stato assegnato al team Property, responsabile di 250 proprietà. “Eravamo bravi a svolgere attività tecniche tradizionali, come pianificare e garantire la conformità, ma non esisteva alcuna dimensione commerciale relativa alla gestione delle proprietà, di cui ora ci siamo dotati”.

Far parte del consiglio apre molte porte al mio team, cosa che è più difficile se ci si deve affidare al direttore finanziario.

Steve Jones Group Procurement Director, Biffa

L'inclusione di proprietà in un portafoglio di procurement riflette una delle ferme convinzioni di Jones. Lungi dall'essere chiuso e puramente transattivo, il team di procurement offre una prospettiva decisamente più ampia.

“Sì, sviluppiamo e applichiamo una strategia di procurement, ma operiamo anche in senso più ampio come business manager che hanno a che fare con aspetti multifunzionali e multidimensionali del rapporto commerciale tra stakeholder interni ed esterni”, commenta Jones.

“Siamo coinvolti in ogni fase per ottenere qualità e valore e per assicurare che l'azienda comprenda i costi totali e il rischio di ownership”

La liquidità prima di tutto

Affossare il procurement sotto uno o due livelli funzionali lascia trasparire l'idea che l'unica cosa che conta è il prezzo. Sorprendentemente, Jones sostiene che i tanto criticati titolari di capitale di rischio sono più ricettivi di quanto si pensi.

“Si concentrano soprattutto sul valore per gli stakeholder e quindi implicitamente assegnano un mandato al Procurement. Insieme alla riduzione dei costi, una delle priorità è la generazione di cassa che, per sua stessa natura, mette il Procurement – e i risultati che produce – tra i primi posti nella lista delle priorità.

Jones riconosce, tuttavia, che molte aziende cercano di creare Consigli di Amministrazione più piccoli e dinamici e rendono più difficile l'affermazione della funzione di Procurement.

Tuttavia il procurement ha bisogno del coinvolgimento degli stakeholder, incluso il Consiglio, dice Jones. “La mia presenza nel CdA apre molte porte al mio team. Se è il direttore finanziarlo a doverti aprire le porte, la situazione si fa più difficile. Abbiamo convinto i nostri collaboratori che il nostro obiettivo è aiutarli ad ottenere più valore dai loro budget, non ridurlo”.

Circa l'autore:
Pablo Borrego
Principal

Pablo è entrato in Efficio nel 2007, da Deloitte in Spagna. Negli ultimi anni ha lavorato con numerose aziende di utilities a livello mondiale. Pablo ha un MSc in Ingegneria Industriale presso l'Università Pontificia Comillas a Madrid.

Digital procurement: una panoramica sulle differenze geografiche
Analisi
Digital procurement: una panoramica sulle differenze geografiche

Digital procurement, come i CPO stanno affrontando il cambiamento digitale a seconda del mercato in cui operano.

Digital procurement: una realtà alternativa
Insight
Digital procurement: una realtà alternativa

La trasformazione dei sistemi e processi esistenti attraverso la tecnologia è stata citata frequentemente come principale obiettivo del procurement per il 2018 da molti CPO

Come utilizzare la tecnologia per rendere più efficaci i processi del procurement
Case Study
Come utilizzare la tecnologia per rendere più efficaci i processi del procurement

Il passaggio verso la digitalizzazione del processo di approvvigionamento è un percorso che vale la pena intraprendere, ma che richiede notevole preparazione e pianificazione strategica.

Il mio bilancio riflette i risparmi generati attraverso il procurement?
Insight
Il mio bilancio riflette i risparmi generati attraverso il procurement?

Trovare un modo per ridurre i costi e aumentare la redditività delle società nel proprio portafoglio è un elemento di estremo interesse per le società di private equity, per questo molte di esse sfruttano il procurement per raggiungere i propri obiettivi